Se sei stato in giro per il business della marijuana, sai che il banking della cannabis è grande e di vasta portata quanto il banking con carta di credito. È anche discutibile quanto il credito ipotecario, anche se forse non così controverso. Molti si chiedono perché le banche permettano questo tipo di finanziamento, dato che la marijuana non è ufficialmente riconosciuta dal governo come forma di coltivazione legale o redditizia. Molti sostengono che fare affidamento sulla marijuana sia semplicemente una questione di fare ciò che le società bancarie fanno meglio: deporre i propri soldi. Anche se questo è un argomento, altri sostenitori sostengono che l’industria bancaria per anni ha dato alla marijuana un brutto colpo e che aprire le porte alla cannabis banking potrebbe aiutare a cambiare la percezione di questa impresa illegale.

Proprio come la maggior parte degli stati negli Stati Uniti, la marijuana è contro la legge e le banche non possono gestire alcuna somma di denaro ad essa legata. Tuttavia, le banche non devono vietare completamente il commercio e alcune stanno iniziando a ritirarsi apertamente da esso. Il Colorado, ad esempio, dispone da tempo di leggi che vietano la marijuana, ma nel 2010 il governo statale ha annunciato un piano per avviare la concessione di licenze per attività che distribuiscono marijuana. All’epoca, nessuna banca avrebbe dovuto iniziare a fornire prestiti per la marijuana, ma ora quelle banche stanno iniziando a essere coinvolte.

Uno dei motivi per cui le banche consentono le operazioni bancarie sulla marijuana è che non corrono molti rischi per loro. A differenza della maggior parte degli altri tipi di finanziamento, le attività di marijuana non richiedono grandi somme di denaro per iniziare, quindi non c’è bisogno di una grande quantità di finanziamenti anticipati. Poiché il settore bancario è regolato dalla legge federale, anche le persone coinvolte nel commercio di marijuana possono essere coinvolte se seguono la legge. In effetti, è effettivamente più facile per le aziende produttrici di marijuana stare fuori dai guai che per altre piccole imprese.

Il primo motivo per cui le banche consentono alle aziende produttrici di marijuana di contrarre prestiti è perché hanno una tolleranza al rischio molto bassa. Dal momento che la marijuana non è vista come un’impresa illegale, le banche non si sentono obbligate a investire molti soldi in un’attività che potrebbe svanire per diversi anni lungo la strada. In molti casi, l’unico denaro necessario per iniziare è di circa duecento dollari. Dal momento che le banche non considerano le attività di marijuana come opportunità di investimento ad alto rischio, non hanno un grosso problema a fornire un prestito del genere.

Un semi marijuana lightltro motivo per cui le banche stanno iniziando ad aprire le loro porte alle aziende di cannabis è che vogliono fungere da intermediario tra il coltivatore e il consumatore. Aprendo un conto collegato a un’attività in crescita, le banche stanno rendendo facile per il consumatore acquistare cannabis senza preoccuparsi di essere derubato o di andare a fare un brutto affare. Se le imprese della marijuana non vanno bene, almeno una delle grandi istituzioni finanziarie fallirà.

Infine, la banca della marijuana consente ai consumatori di accedere a un prodotto in contanti legale creato per l’uso da parte degli adulti. Eliminando le transazioni con carta di credito e i problemi associati al traffico illegale di droga, la marijuana diventerà più facile da ottenere senza i rischi associati. Quando combini questo fatto con la facilità con cui le banche possono ora fornire servizi bancari sulla cannabis, non c’è davvero alcun motivo per non provarlo.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS