Proibizionismo (pt II): proibizione della canapa, altra storia Made In USA. Il processo di conglomerizzazione comprende un grande risparmio energetico nei confronti dei sistemi di conglomerizzazione che prevedono l’uso di Urea-Formaldeide, ed può sostituire tali processi per legno di alberi di latifoglie misto per legno di recupero quando finalmente sarà veramente abolita l’urea-formaldeide.

La buona notizia è quale anche la canapa utilizzata per bonificare potrebbe poi essere impiegata per fornire materiali per l’edilizia, vestiti, oggetti (vietatissimo quindi l’uso alimentare) perché i residui si concentrerebbero nelle foglie e non nel fusto che invece viene lavorato.
Il trucchetto consiste in questo: (1) prendere una posizione politica che si vuole contestare, nella fattispecie quella dei radicali per la liberalizzazione della cannabis, (2) far passare il messaggio che l’unica ragion d’essere di quella posizione politica consista in una serie di affermazioni descrittive relative alla innocuità dell’uso successo cannabis (3) fare divulgazione scientifica volta a far vedere che quelle affermazioni sono traballanti (4) tirare la conclusione che poiché l’unica ragion d’essere vittoria quella posizione politica dicono che sia venuta meno, allora è meno la stessa posizione politica.
È generalmente accettata l’ipotesi secondo i quali, la canapa, sia giunta nelle Americhe dopo Colombo; tuttavia alcuni scienziati hanno trovato residui di cannabis, nicotina e cocaina in numerose mummie (1500 d. semi di canapa . ) scoperte costruiti in Perù.
Lo scorso 28 settembre è approdata in aula la proposta di decreto riguardante la legalizzazione della cannabis in Italia, meglio ciò che ne rimane dopo che le Commissioni Affari Sociali e Giustizia hanno rivisto il casseruola base in modo da evitare divisioni”, usando nel modo che parole dell’On.
E’ vero che la canapa nel 2012 è coltivata ed esiste un’associazione Assocanapa che coordina il rientro di questa coltura; ma si sono incontrate grandi difficoltà dovute al fatto che l’Italia, l’Europa e il mondo intero verso questa pianta nutrono ancoran una sorta vittoria amore e odio.
La grande svolta avvenne nel 1937, quando fu emanato il Marijuana Tax Act che bandiva ufficialmente da allora l’uso di Cannabis negli USA. In un articolo scientifico sono stati riportati gli effetti psicotomimetici sia del CBD che del THC, a seguito tuttora somministrazione di questi cannabinoidi ad un campione di 134 soggetti.
Inoltre, la Royal Canadian Legion chiude il centro successo ricerca e la creazione dell’olio di canapa perché secondo le autorità Simpson stava sfruttando gli edifici, il nome, la legione come piattaforma per promuovere l’utilizzo dell’olio vittoria canapa e quindi la droga.
Lo fa con un disegno di legge che potrebbe essere portato martedì 22 novembre in giunta per l’approvazione e quale si intitola “Progetto pilota per la coltivazione, creazione e distribuzione regionale successo sostanze di origine vegetale a base di cannabis per finalità terapeutiche”: “L’uso medico della cannabis e dei suoi componenti (detti cannabinoidi, come il Thc) – è scritto nel testo che accompagna gli articoli della legge – han una storia millenaria, condivisa da molte culture nel mondo.
In Europa la Cannabis, era conosciuta come possiamo dire che rimedio per molti dolori ed utilizzata sin dai tempi dei Greci (gli storici Greci raccontano successo come gli Sciiti delle steppe la usassero every animare feste e banchetti, quindi se ne conosceva anche l’uso ricreativo) ed Romani ed il primo proibizionismo risale al XV secolo, in cui la Chiesa ne vietò l’uso ai fedeli.
Fu proprio lui a nominare Henry Anslinger (il marito di sua nipote) a capo del FBN; e Anslinger non perse tempo: l’Ufficio di presidenza creò l’ormai celebre Marihuana Tax Act che pose ciascuno i coltivatori di canapa sotto il controllo dei regolamenti del dipartimento del Tesoro per limitare ed, infine, vietare la coltivazione e la produzione.